Tu sei qui: Home » Benessere » Salvia, l’alleata perfetta per i denti

Salvia, l’alleata perfetta per i denti

salvia_800x532La salute dentale è un argomento che riguarda tutti a prescindere dall’età ed è bene conoscere le migliori tecniche per preservarla per evitare di contrarre patologie dolorose e soprattutto dispendiose.
La prima cosa da fare per ottenere una perfetta salute della bocca è lavarsi i denti al termine di ogni pasto o almeno due volte al giorno, utilizzare lo spazzolino che più si confà ai propri denti, scegliendo tra quelli a setole morbide, medie o dure; successivamente è opportuno passare il filo interdentale dopo ogni lavaggio e terminare l’operazione attraverso i risciacqui col colluttorio: in questo modo si ha la sicurezza di ritardare il più possibile l’insorgenza di patologie dentali. Non bisogna però trascurare la visita di controllo dal proprio dentista di fiducia, preferibilmente una o due volte l’anno ed effettuare la pulizia dei denti, l’unica in grado di rimuovere ogni incrostazione non eliminabile manualmente durante la propria igiene personale. Il dentista sa sempre consigliarti come eseguire una corretta igiene orale a casa tua senza rischiare di danneggiare alcuna parte.

Cos’è la Salvia e perché fa bene ai denti

La salvia è una di quelle piante officinali riconosciute sin dai tempi più remoti per le sue proprietà benefiche, ottime per la risoluzione di molti disturbi corporali tra cui quelli della bocca: nello specifico ha qualità tutt’oggi molto apprezzate nel campo dell’odontoiatria, infatti la Salvia officinalis viene spesso consumata in caso di gengiviti, tenendo nella bocca qualche foglia della pianta per un paio d’ore e masticandole. L’olio essenziale di questa pianta, che si sprigiona attraverso la masticazione delle foglie, è molto utile per la sua azione disinfettante e non di rado riesce a riequilibrare una situazione precaria: in caso di infiammazione, per esempio, o di afta orale puoi provare a masticarle tranquillamente anche tu perché non ci sono controindicazioni nel suo uso.
La foglia della Salvia viene anche utilizzata direttamente sui denti per pulirli, infatti la sua azione antisettica si unisce a quella abrasiva e riesce ad eliminare tutta la placca in eccesso dai denti: può essere un’ottima soluzione d’emergenza quando dimentichi lo spazzolino a casa! Fai però attenzione a non abusare di questo metodo perché potresti rischiare di danneggiare lo smalto dei denti e i colletti gengivali.
Ma non è finita qui, infatti puoi utilizzare la Salvia officinale anche per ottenere uno sbiancamento dei denti e un alito migliore: non è un caso che gli antichi gli abbiano dato questo nome, che significa salva, infatti se l’alitosi dipende dai residui di placca nella bocca, l’uso regolare della Salvia ti permetterà di avere un alito fresco e profumato.

Come usare la Salvia

La Salvia può essere usata in molti modi: la si può usare prendendo direttamente la foglia e strofinando questa sui denti per sbiancarli o pulirli; masticando le foglie in caso di infiammazioni e facendo agire così il suo olio essenziale oppure facendole bollire in acqua e ottenendo così un infuso col quale effettuare risciacqui da fare una volta terminata la consueta pulizia dei denti.
La modalità di assunzione dipende dal problema che stai cercando di risolvere, se hai dubbi puoi consultare il tuo erborista o il tuo dentista di fiducia che ti consiglieranno come intervenire: infatti se l’assunzione dell’olio avviene troppo di frequente o con posologie eccessive, questo può irritare ulteriormente le gengive e peggiorare la situazione iniziale che cercavi di risolvere.
A livello medico la Salvia non ha controindicazioni ma l’uso eccessivo o scorretto può modificarne l’effetto voluto.

Dentifrici alla salvia, esistono?

In commercio esistono da molti anni dentifrici realizzati con la Salvia, proprio per venire incontro in modo naturalmente sano ai piccoli problemi della bocca. Questi sono generalmente dei preparati chimici, chi più chi meno, che contengono vari elementi per contrastare altrettante patologie come la carie e altre.
Se vuoi essere certo di utilizzare un prodotto naturale, puoi realizzare direttamente il tuo dentifricio alla Salvia amalgamando l’argilla verde, l’acqua depurata, dell’amido di mais e l’olio essenziale della Salvia officinale; puoi anche decidere di arricchire l’impasto con altri elementi come il Bicarbonato ma è consigliabile concentrarsi su un unico fattore, infatti se il tuo scopo è quello di placare l’infiammazione delle gengive, il composto descritto sortirà l’effetto desiderato mentre se il tuo scopo è quello di sbiancare i denti allora sarà utilissimo servirsi di entrambi gli elementi in modo che il Bicarbonato coadiuvi l’azione sbiancante della Salvia.
Se non hai né modo né tempo di dedicarti a questi composti ma non vuoi rinunciare ad una scelta sana, puoi far seccare alcune foglie della pianta in questione e, una volta spezzettate, aggiungerle al dentifricio, una volta posato nello spazzolino, che usi abitualmente.

Fa tesoro di questi consigli e se hai bisogno di una visita odontoiatrica, ti consigliamo Clinica Villa a Biella.