Tu sei qui: Home » Curiosità » Saar: Regione Carbonifera Europea

Saar: Regione Carbonifera Europea

saar cenni storici

È conosciuta come Saar, la terra europea a confine tra Germania e Francia, cuore carbonifero del nostro continente

La Saar è stata per moltissimo tempo il cuore carbonifero della Germania, nonché una delle regioni che ha maggiormente contribuito all’ascesa del secondo Reich tra la fine dell’800 e l’inizio del ‘900 come potenza economica mondiale.

Non sorprende quindi che la Francia, al termine della Grande Guerra, abbia tentano includere questo territorio tra i sui dipartimenti. Fu l’allora presidente degli Stati Uniti, Woodrow Wilson, ad opporsi fino al raggiungimento di un accordo. LE miniere di carbone furono consegnate alla Francia come indennizzo e la regione, chiama “Territorio del bacino della Saar” venne concessa a Parigi e Londra, con amministrazione congiunta, per quindi anni.

Alla fine di tale periodo un referendum, che ebbe luogo il 13 Gennaio 1935, diede la possibilità ai cittadini di decidere del proprio futuro. Gli elettori, con enorme disappunto da parte della Francia, optarono per la Germania.

In seguito, al termine della Seconda Guerra Mondiale, la Saar fu nuovamente occupata dalla truppe francesi, nel tentativo di annetterla nel proprio territorio ma, anche questa volta non ottennero il risultato desiderato.

Con un trattato stipulato nel 1954, Francia e Germania, si accordarono per dare il diritto alla Saar di essere autonoma tuttavia, l’anno seguente, con un nuovo referendum il 67% del popolo confermò la sua volontà di far parte del territorio tedesco.

Nel frattempo, il 9 maggio del 1950, Robert Schuman (uomo di stato francesce) prpose la creazione della Comunità Europea del Carbone e dell’Acciaio. In tal modo, i cittadini della Saar potevano considerarsi tedeschi ma il loro carbone era, a partire dal quel momento, una ricchezza dell’Europa intera.