Tu sei qui: Home » Uncategorized » Visitare l’Islanda, l’isola dell’acqua in ogni sua forma

Visitare l’Islanda, l’isola dell’acqua in ogni sua forma

Visitare l’Islanda è una delle cose da fare almeno una volta nella vita. È la terra dell’acqua e del fuoco, del mare e delle scogliere a picco, dei ghiacciai e dei geyser. Insomma un’isola che racchiude millenni di storia naturale e sfoggia le più importanti e ricercate bellezze geologiche del mondo. Un viaggio in Islanda è una vera e propria avventura a contatto con la natura più selvaggia e istintiva di sempre. Un ritorno alle origini, visitando ghiacciai, cascate imponenti, cercando balene, pulcinelle di mare  e foche in cattività. Un’esperienza unica che vi rimarrà nel cuore per sempre.

Ci sono molti modi per visitare l’Islanda. Le sue strade sono ben asfaltate e ripulite anche nei mesi più freddi. Data la sua naturale conformazione collinare, le strade dell’isola sono un vero e proprio rollercoaster per gli amanti dei viaggi on the road. Proprio per questo consigliamo di visitare l’Islanda in auto o, nei mesi più caldi, in moto. Viaggiare in moto infatti vi consentirà anche di muovervi più agilmente per le strade più affollate che, nei mesi estivi, si riempiono di turisti. Un’isola così ricca di attrazioni necessità dell’organizzazione puntuale di ogni tappa, in modo da ottimizzare tempi e spostamenti e godere della bellezza del territorio in ogni sua forma. Per questo molti viaggiatori preferiscono visitare l’Islanda con tour organizzati, che guidano e assistono gli ospiti dell’isola in ogni tappa, alloggio e attività.

Tutte le forme dell’acqua: cascate, geyser e ghiacciai

Una delle mete più famose dell’isola del ghiaccio, in cui i giochi d’acqua fanno da protagonisti, è sicuramente il Circolo d’Oro. Nella zona sud-occidentale dell’isola, vicino alla capitale Reykjavik, è possibile godere della vista mozzafiato di cascate, geyser e aree geologiche di importanza mondiale. Il Circolo d’Oro comprende tre attrazioni naturalistiche: il parco nazione di Thingvellin, l’area dei geyser e la famosa cascata Gullfoss. Queste attrazioni hanno tutte una cosa in comune: sono gratuite e quindi accessibili autonomamente per tutto il tempo che vogliamo.

Oltre la bellezza paesaggistica, quello che attrae milioni di turisti ogni anno nel parco di Thingellin è la possibilità di osservare e camminare su due placche tettoniche diverse e in continuo movimento. Stiamo parlando della placca Americana e quella Europea che ogni anno si distanziano sempre di più, in questo parco unite da una passerella pedonale.  L’area dei geyser, poco distante dal parco, ospita il geyser più grande al mondo, oggi purtroppo inattivo, e altri magnifici ‘vulcani d’acqua’ in azione come quello di Strokkur che erutta ogni 4-8 minuti. Infine il Circolo d’Oro si riempie di acqua grazie alla ormai famosissima cascata Gullfoss che vuol dire letteralmente “cascata dorata”. La sua particolarità è quella di gettarsi con un salto di 32 metri complessivi, nel suggestivo canyon che divide l’altopiano. La stretta e profonda gola, sembra finire proprio al centro della terra, creando uno spettacolo unico, che attrae visitatori da ogni parte del mondo.

Infine, non possiamo perderci l’emozione di camminare sopra e dentro un ghiacciaio. Visitando il ghiacciaio Svínafellsjökull è possibile prenotare delle escursioni uniche nelle suggestive grotte blu zaffiro e percorsi in superficie tra gole e colline di un paesaggio lunare. A ridosso del ghiacciaio merita una visita anche lo spettacolo naturale della Laguna Glaciale Jökulsarlon, anche detta la spiaggia dei diamanti, in cui i pezzi del ghiacciaio che si staccano e finiscono in mare si adagiano sulla spiaggia nera della laguna, creando dei veri e propri diamanti blu.

La bellezza selvaggia e primordiale dell’Islanda lascia emozioni e ricordi unici nei viaggiatori più avventurosi. Un ritorno alle origini con paesaggi sconfinati e il rumore di corsi, getti e cascate di acqua che riempiono e caratterizzano ogni luogo dell’isola. Un viaggio alla scoperta, non solo di luoghi meravigliosi ma anche di noi stessi.